Coppia e desiderio Il tradimento per la coppia

Il tradimento per la coppia: la psicoterapeuta Annalisa Amadesi risponde alle domande che tutti ci facciamo (non sono solo io, vero?).

“Una donna che amiamo raramente basta a tutti i nostri bisogni, e la inganniamo con una donna che non amiamo.”
(Marcel Proust)

Ho in mente due persone sedute a fianco nel mio studio: un uomo dall’aria seria che fissa il pavimento e una donna che, tenendo le braccia conserte, di tanto in tanto sbircia il suo compagno immerso nel suo silenzio. Anche lei appare cupa, perplessa, a tratti tesa.
Non si parlano, eppure il silenzio che ascolto è assordante, quasi irritante.


Qualche seduta fa mi hanno confessato che entrambi, in momenti diversi della loro vita insieme, hanno tradito, per ragioni differenti. Ora, quelle “avventure” alle spalle hanno minato la loro reciproca fiducia, le loro certezze e mi chiedono se – e come – potranno mai recuperare ciò che c’era prima.
Perché sì… prima si amavano, e forse si amano ancora, eppure hanno cercato altrove emozioni sessuali forti, rassicurazioni, attenzioni che mancavano.

Perché le persone tradiscono?

Spesso il tradimento assume un significato compensatorio.
Se in una coppia è presente un’insoddisfazione sessuale e/o relazionale e affettiva, ciò ha un forte impatto sulla possibilità di tradire o di essere traditi. Se a questo poi si aggiunge una sorta di indole all’infedeltà tipica di chi ha un profilo psicologico di tipo “insicuro”, quindi alla ricerca costante di conferme su di sé e sul proprio valore, è facile che il tradimento rappresenti un’occasione per mettersi alla prova, dimostrando a se stessi di avere ancora un sex appeal apprezzabile.

In altri casi l’avventura extraconiugale consente di provare emozioni (sessuali e affettive) forti, che forse non si sperimentano da un po’ di tempo perché ci si conosce da molto tempo, oppure perché la coppia ha vissuto dei cambiamenti importanti (l’arrivo di un figlio, la perdita di un parente, una malattia, un nuovo lavoro ecc.), che hanno inevitabilmente modificato l’assetto relazionale, sessuale e di intimità e complicità dei partner.

Altre volte è possibile che, dietro ad un tradimento, ci siano malcontenticonflittiincomprensioni che non sono stati affrontati apertamente, ma che hanno creato delle distanze, dei “non detti” che impediscono di vivere serenamente la relazione e che spesso, appunto, conducono i partner a cercare leggerezza, spensieratezza e attenzioni fuori dalle mura domestiche.

Ci sono differenze tra il tradimento maschile e quello femminile?

Ci tengo, in questo caso, a sfatare qualche mito.
Gli uomini, come probabilmente si pensa, non tradiscono solo per la ricerca del piacere sessuale o per il gusto della “caccia”, della conquista, del dominio, ma anche perché, in certi casi, hanno bisogno di attenzioni e di tenerezze che a volte mancano dalla compagna.
Le donne, dal canto loro, non ricorrono al tradimento solo perché innamorate di un altro né tradiscono solo “con il cuore”, ma lo fanno anche per sperimentare emozioni talvolta sopite o dimenticate, per ricevere attenzioni e rassicurazioni ad esempio rispetto alla loro seduttività…

È possibile superare il tradimento e renderlo costruttivo per la coppia?

Il tradimento è un evento intenso e traumatico per chiunque; se esce allo scoperto avrà chiaramente conseguenze pesanti sulla fiducia nei confronti dell’altro.
L’infedeltà inoltre non rappresenta una minaccia solo per la coppia, ma anche per il senso di sé.
Chi viene tradito inizia a mettere in discussione se stesso e la propria amabilità:
“Che cos’ho che non va?”
“Che cos’ha lei/lui che io non ho?”
“Ora che cosa voglio?”
“Che senso ha la nostra relazione?”
“Che cosa ho fatto di male?”.
Questi sono solo esempi di lunghi dialoghi interiori che il tradimento attiva in una persona.

Tradimento: epilogo o nuovo inizio?

Va da sé che alcune avventure extraconiugali rappresentano l’epilogo della relazione, altre invece possono dare una “scossa” ai partner per nuove possibilità.

In certi casi non è solo chi subisce il tradimento a porsi domande importanti, ma anche la coppia stessa:
“Perché è successo?”
“Che periodo stavamo vivendo?”
“Che significato ha avuto per te tradirmi?”
“Che cosa hai capito da questa esperienza?”
“Avevi bisogno di qualcosa che io non ero più in grado di darti?”
….

Da questi interrogativi la coppia può sperimentare un’esperienza di crescita e di cambiamento, pur difficile e delicata, ma spesso l’infedeltà che emerge permette ai partner di avere conversazioni più profonde e sincere.

Inoltre – come alla coppia che descrivevo in principio – capita spesso che la paura di perdere l’altro ravvivi il desiderio sessuale e la voglia di continuare a stare insieme.

Chiudi e non ti scoccio più NEWSLETTER
Newsletter

5 € per te se ti iscrivi alla newsletter:







Dai, iscriviti subito!
ti sto iscrivendo alla newsletter...